Musica folcloristica salentina, al MNAI arriva il corso di tamburello

 

CAPODIMONTE - Il Museo della Navigazione nelle Acque Interne,  ampliando gli scopi e i ruoli del museo in funzione di pratiche sociali che, attraverso l’arte, la storia, la musica e altre attività sensoriali, favoriscano l’aggregazione e l’arricchimento culturale della comunità, accoglie un nuovo progetto di cultura musicale folclorica, iniziando una collaborazione con il Dr.Raffaele Donno , esperto di musica e tradizioni locali salentine, anche applicate a programmi di inclusione sociale e di recupero del benessere corporeo. Giovedì 6 e venerdì 7 dicembre  e 17:30, si svolgeranno due incontri preliminari di preparazione al Laboratorio di tamburello che, nell’arco di 10/12 incontri settimanali, a partire da gennaio 2018, consentirà di apprendere le tecniche nel suonare il tamburello o, in dialetto salentino, il tamburieddhru.  Il docente, Dr. Raffaele Donno  è nato a Corigliano d’Otranto (Lecce), ma risiede da molti anni a Viterbo ed è coniugato con una capodimontana. E’ laureato presso la Pontificia Studiorum Universitas Salesiana  in Scienze dell’Educazione (Educatore sociale e professionale), con votazione “Summa cum laude” con una Tesi sperimentale su “ La musica e il ballo della pizzica: strumenti di contrasto al disagio ”. Dal 2014 è iscritto all’ ANEP ( Associazione Nazionale Educatori Profes sionali ). Da dicembre 2015 è presidente dell’ Associazione culturale Archeotuscia Onlus e dal 2002 al 2015 già presidente dell’ Associazione culturale viterbese “La Ginestra” (letteratura, poesia, saggistica e arte).

Autore di libri di narrativa delle tradiz ioni locali salentine, “Il Codice dei Trulli”, “Vivere”, “I Tarantati”, “Le Spose del Diavolo”, “Il Canto delle Cuccuvasce”, è ideatore, promotore e performer di eventi culturali e musicali. Di prossima pubblicazione, con la Casa Editrice Serena di Viterbo , il saggio “La Taranta pizzica e cura” (Il ritmo del cuore nel tamburello), approfondimento scientifico di musico - terapia attraverso la pizzica salentina. Autodidatta, ha perfezionato nel tempo, le metodologie e le diverse tecniche nel suonare il tamburel lo, sia con componenti di Gruppi musicali salentini “Argalio” ed “Olimmia” che frequentando, dal 2009 al 2011, seminari di tamburello presso l’Istituto musicale “G. ​Carissimi” di Viterbo, con il M° salentino Antonio Goduto, esibendosi in diverse Manifestazioni ed Eventi. E’ stato corista/basso nel Coro integrato “Schola Incantorum” di Viterbo, dal 2010 al 2014, ed è interprete di brani popolari salentini e non solo. E’ ideatore, coordinatore e performer della Manifestazione artistica - musicale, “Art Festival “La taranta contaminata” (Canti e musiche nazionali ed estere, contaminate con la musica della pizzica) che dal 2014 si tiene in diversi Comuni del Salento. Il Corso che si svolgerà presso il MNAI, in giorni e orari da concordare con i partecipanti, è gra tuito. Il costo di un tamburello artigianale salentino che sarà utilizzato durante il corso è di circa 50 Euro.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare l’insegnante Raffale Donno al nr. 328.8417497 o la Direzione del Museo al 0761.872437.

La Direzione del Museo

ematube