Viterbo, Santa Croce Camerina e il Commissario Montalbano

montalbano - torre

Cos’hanno in comune la Tuscia e la Sicilia?

VITERBO - O meglio, cos’hanno in comune Viterbo, Santa Croce Camerina e il poliziotto più astuto e singolare della penna di Camilleri? Prima di leggere questo articolo, mettetevi comodi, perché vi racconteremo una storia intrecciata di belle amicizie destinate a diventare talmente famose e popolari da entrare non solo nel cuore di tutti, ma nelle case di tutti. In piazza del Gesù, nel centro storico di Viterbo, svetta la torre del Borgognone, quell’area era considerata nel XIII secolo il centro politico della città. Attualmente la torre è un Bed and Breakfast, gestito dal cortese signor Francesco Inghlieri, il cui padre, negli anni ’70 era il comandante della stazione dei Carabinieri di Montefiascone, e la cui madre possedeva una casa in Sicilia, ma era anche tanto amica della mamma dei fratelli Zingaretti; rispettivamente uno presidente della Regione Lazio, e l’altro attore, certamente più amato e conosciuto poiché ha interpretato il ruolo del Commissario Montalbano. La dimora siciliana della mamma del signor Inghlieri è stata cornice del set della fiction più famosa di Italia: Il Commissario Montalbano, appunto, in località Punta Secca frazione di Santa Croce Camerina.

Raggiungiamo al telefono il signor Inghlieri, che ci conferma quanto raccontato fino adesso. “Mia mamma e la mamma dei fratelli Zingaretti erano amiche. Purtroppo mia madre essendo venuta a mancare nel 2010, di loro, non ho saputo più niente. Ma potrei raccontare alcuni aneddoti tra un ciak e un altro, nella mia casa siciliana”.

(Fonte foto: per Montalbano, casadimontalbano.com; per Torre Borgognone, Artecittà)

Caterina Berardi

ematube